Star Citizen… la nascita di un nuovo tipo di mmo???

Star Citizen… la nascita di un nuovo tipo di mmo???

6.238 views
1
SHARE

Prima di cominciare… questo video lo dovete proprio vedere! Quando sarà finito e la bava scenderà copiosa dalle vostre fauci possiamo continuare! (consigliamo come al solito di guardare a schermo intero e in HD)

 

I giocatori più “vecchiotti” si ricorderanno della saga di Wing Commander, un simulatore spaziale con tanto di storia, diversi caccia, nemici a non finire, storie d’amore, gameline che cambia a seconda delle scelte fatte… insomma per i tempi era una figata pazzesca! (i più attenti avranno notato nel video il logo di WC sul cappello di un tizio in infermeria)

Wing Commander 3 Screenshot

Wing-Commander-3

Beh, dai tempi di quei successi (ne uscirono 3 uno più bello dell’altro), il papà di Wing Commander (Chris Roberts) iniziò a sognare un mondo fantastico e complesso, dove tutto fosse possibile per i giocatori, ambientato nello spazio… così nacque il progetto Star Citizen! Fino a poco tempo fa era impensabile per un PC poter processare e dar vita a un mondo come quello di Star Citizen e, a dirla tutta, i dubbi sono moltissimi ancor oggi! Tant’è che nessuna casa di distribuzione e di sviluppo si è sentita di avallare e finanziare il progetto… ma nell’era di internet nulla è impossibile! Così Chris si è rivolto direttamente agli utenti finali, i giocatori! e ad oggi, tramite donazioni, preorder, e acquisti di navi (ne parleremo dopo), ha alzato qualcosa come SETTANTACINQUEMILIONIDIDOLLARI!!!!!! ($$$75.000.000$$$) E I SOLDI CONTINUANO AD ENTRARE COPIOSI!!!

Sembra una cifra stratosferica, ma sentite un po’ che promette il gioco:

  • Simulazione spaziale e di trading MMo style, in un universo persistente e dall’economia creata e cambiata direttamente dai giocatori;
  • Galassia non estesa come in Elite Dangerous, ma molto grande e completamente visitabile (si può atterrare sui vari pianeti) ed in continua espansione…
  • Possibilità di scoprire nuovi “Jump Paths” (il metodo con cui si salta da un sistema all’altro), navigarli la prima volta manualmente e poi venderli per profitto!
  • Modalità storia (chiamata Squadron 42), giocata prevalentemente in singolo in cui ci si arruola nella marina spaziale dell’Impero unito della terra e si scala il ranking della marina tramite missioni varie.
  • Tantissime cose da fare in multiplay: si potrà essere commercianti, pirati, mercenari, cacciatori di taglie, piloti di corse su caccia, esploratori ed altro ancora!
  • Ci saranno giochi a gravità zero (tipo quello di Ender’s Game),
  • Arene
  • Missioni e avventure a terra in modalità FPS (fatto anche molto bene)

Nell’ultimo PAX abbiamo visto enormi miglioramenti proprio fatti su quest’ultima feature, un sistema di “muscoli” ha migliorato notevolmente i movimenti e il realismo della simulazione di combattimento a terra (prima i personaggi erano un tantino “legnosi”) ora la resa è impressionante!!! Sono anche già implementati combattimenti a Zero G (nelle stazioni spaziali quando il sistema di gravità artificiale viene spento o danneggiato), ed è veramente carino!

f5-1

Sarà possibile viaggiare con la propria nave tra sistemi stellari e pianeti, e si potrà atterrare su pianeti abitati e pieni di vita! con tanto di negozi, Bar e chi più ne ha più ne metta! (inutile che vi metta screenshots, avete già visto di che parlo nel video).

Ma la cosa più titillosa di tutte restano le navi spaziali! Ce ne sono di vari tipi e per vari scopi, dal caccia monoposto alle navi con equipaggi di più giocatori. Ci sono varie case che costruiscono navi (con un livello di dettaglio impressionante), gli sviluppatori hanno preso molto seriamente questa cosa, arrivando a creare video pubblicitari per la maggior parte di esse! Postiamo qui un esempio in stile TOP GEAR, divertitevi poi ad andarvene a cercare altri se la cosa vi stuzzica…

e non resisto, puppatevi anche questi:

Ce ne sono tantissimi altri, uno più bello dell’altro! Stavo per postarne ancora ma mi sono reso conto che è inutile ai fini dell’articolo ed ho frenato la scimmia! Vi consiglio vivamente di farlo voi, per vedere quello che una crew di pazzi si è messa a creare solo come corollario di un gioco!!!

A differenza poi di quanto abbiam visto finora in Elite Dangerous, la visione principale del gioco è sulla persona, e non sulla nave. Quando saliamo o scendiamo dalla nostra “bambina” lo faremo in prima persona, salendo una scaletta, attraversando i vari ambienti della nave (se ce ne sono), raggiungendo il cockpit e sedendoci al posto di comando! A questo punto la nave prenderà vita e inizierà l’avventura del giorno!!!

Il gioco ovviamente sarà istanziato, sia a terra che nello spazio, con la possibilità per party e personaggi che guidano la stessa nave (o che semplicemente vogliono stare sullo stesso canale ) di cambiare istanza o trovarsi automaticamente nella stessa. Ci sono tantissime features in fase di sviluppo, compresa la possibilità di ospitare un server privato (ma non ci sono ancora dettagli a riguardo).

Ovvia anche la compatibilità con Oculus Rift e joystic vari… la cosa che comunque ci spaventa un po’ è la complessità estrema del gioco… forse per la prima volta ci troveremo ad usare tutte le periferiche da gamer che abbiamo! Mouse da FPS con controllo DPI per una mira più accurata, pad con stick e tasti bindati, tastiera seria, joystic e manetta per il pilotaggio nello spazio… mi sà che dovrò fare un po’ di ordine sulla scrivania! O_O e direi anche nel PC dato che si tratta di un gioco che occuperà qualcosa come 100 Giga di spazio sull’hard disk!!! e si prevedono patch da 20 Gb! Poveri noi in Italia con le connessioni di cacca che ci ritroviamo…

La fisica newtoniana accuratamente riprodotta darà un ulteriore tocco di realismo, e anche se dotati di stabilizzatori, il volo nello spazio sarà un tantino più complesso di quello provato in ED, dato che non esiste il concetto di “flight assist”, e anche se non estremo come quando si spegne il FA su Elite, sarà qualcosa di piuttosto simile… diciamo una via di mezzo! Se ci mettiamo poi che i danni alla nave saranno localizzati dove effettivamente riceveremo (o porteremo) i colpi, si rischierà di dover volare con sistemi malfunzionanti, e ci si dovrà adeguare alla situazione. Sotto questo punto di vista la simulazione è fatta molto molto bene, e all’atterraggio, guardando la nave da fuori, potremo vedere ogni singolo colpo ricevuto i danni che ha fatto!!!

Dovete perdonarmi se più volte mi sono trovato a fare il paragone con Elite Dangerous, ma in questo momento è una cosa che viene piuttosto naturale dato che il gioco è molto recente e l’ambientazione è la stessa (lo spazio).

Ci sarebbero talmente tante altre cose da dire e raccontare che davvero si rischia di rendere l’articolo un papirozzo illeggibile… quindi vi lasciamo con la promessa di vedere cosa porterà Star Citizen al Gamescom di quest’anno. La data prevista di uscita è entro il 2016. Al momento il gioco è in fase di Beta, per poterlo giocare bisogna diventare finanziatori (anche se qualche tempo fa su steam era possibile scaricarlo per averne un assaggio). Sul sito ufficiale è anche possibile comprare (con soldi reali e quindi dando finanziamenti allo sviluppo), le varie navi che poi resteranno di nostra proprietà anche al lancio. Il dubbio con cui vi lasciamo è… ma al lancio ste navi si dovranno comprare lo stesso con soldi reali? Ancora non si sà se sarà free to play, pay to play o pay to win! Cercheremo di scoprirlo prossimamente e vi terremo aggiornati!

Per adesso, come al solito, restiamo ottimisti!

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...